All'improvviso nacque una stella

"Il sole si tuffava nel mare, una ad una le barche da pesca uscivano per lo stretto pertugio di porto Taièr dove, con un incastro a coda di rondine, l'Incoronata quasi si salda all'Isola Grossa. Nelle ultime luci del crepuscolo slittava silenziosa sotto la gran parete verticale di roccia, l'immensa muraglia senza perdono e senza anima viva. Per quasi cento chilometri solo i gabbiani avrebbero udito una invocazione d'aiuto, i gabbiani che,  secondo la credenza dei pescatori, reincarnano le anime dei poveri morti in mare...." Leone Concato

Di seguito il testo integrale

19 Giugno 1942 - XX

Articolo pubblicato su tutti i quotidiani italiani